.
Annunci online

  SapereAude [ Poeticamente abita l'uomo su questa terra... ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


L'idea da dove nasce questo blog
L'assassino di Dio
La malinconia è il mio amante più fedele
Ho fondato la mia causa su nulla

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


14 gennaio 2010

quanto tempo...

ci ricapito per caso.. un progetto in gran parte dimenticato... ma mi viene voglia di scriverci, solo per sapere se qualcuno che mi legge ancora c'è...




permalink | inviato da SapereAude!!! il 14/1/2010 alle 1:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


28 settembre 2006

Berardinelli

Io ho notato che, almeno a Lettere, quelli che si laureano con maggiore ritardo sono spesso i migliori. Studiano per piacere, per coltivare se stessi, per restare il più possibile studenti.




permalink | inviato da il 28/9/2006 alle 21:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


7 luglio 2005


decido di violare le leggi del copyright, e cito senza chiedere autorizzazioni di alcun genere, un post da http://serafico.ilcannocchiale.it/, che penso valga la pena di essere letto...


Sulla Stampa di ieri lunedì 4 luglio,  quasi tutta pagina 14, con tre articoloni, è dedicata ai blogger, con pezzi di Maurizio Molinari, Anna Masera e una intervista di Antolella Mariotti allo psicologo, psichiatra, scrittore Alessandro Melluzzi.


La cosa piuttosto particolare è che i blogger vengono visti e analizzati come fossero soltanto persone sole e depresse in cerca di un estraneo, possibilmente virtuale, quindi uno sconosciuto al 100% , con il quale aprirsi e tentare di risolvere i propri mali psichici.


E così, dice Molinari, che per gli psicologi americani, quella dei blogger di ritrovarsi in rete, di scrivere il proprio diario, è qualcosa di assimilabile, di molto simile,  alla “terapia di gruppo”, ovvero una pratica psicoterapeutica particolarmente utile per risolvere questioni gravi quali dipendenze da alcol e droghe, ma molto in uso anche per le coppie in crisi e per i violenti che picchiano moglie e figli, c’è tutta una filmografia in proposito. Inoltre sempre Molinari spiega come con internet e con i blog siano nate migliaia di micro-comunità utili per sconfiggere depressione e isolamento, isolamento che negli states è particolarmente accentuato dai grandi spazi.


Melluzzi dice che il blog può aiutare i timidi a comunicare.


Anna Masera parla dei blog come una “sfogatolo”, luogo per persone che si sentono sole e trovano nel web, non solo nei blog ma anche in siti tipo dediche.it, preti in linea, o indignato.it luoghi dove trovare ascolto e comprensione, o semplicemente dove dire il proprio malessere.


 


Insomma, presto internet con le sue comunità di blogger, sostituirà psicologi, psichiatri e consultori, creando un bel po’ di disoccupati in ambito sanitario!


 


Certo non posso negare che il blog abbia per molti anche gli aspetti descritti dai giornalisti, ma messa come la mettono loro pare quasi che si ritrova sul web possa essere già tranquillamente bollato come persona sola e triste, spesso incapace di avere normali rapporti interpersonali.  Si dimentica che chi ha un blog è una persona di una cultura medio alta, con qualche capacità di accedere a mezzi tecnologici che non sono sempre alla portata di tutti. Molti blogger sono studenti, altri insegnati, alcuni giornalisti, ci sono blogger che hanno un normale impiego aziendale e altri che sono liberi professionisti, persono che non debbono per forza avere problemi psicologici o psichiatrici, ma che trovano nel web uno strumento in più, una finestra alla quale affacciarsi e dalla quale poter vedere porzioni di mondo.


Non solo, il blog  è anche un notevole strumento di confronto intellettuale, e come dicevo, chi ne ha uno è spesso una persona di cultura, alle volte anche conosciuta (ma questo ha importanza relativa), e il dialogo con queste persone  su temi che vanno dalla politica all’arte e perché no dallo sport al sesso o alla sociologia, è altamente stimolante.


E poi il grande servizio della Stampa dimentica, come spesso accade, che il blog può essere visto anche come un formidabile strumento creativo, luogo dove si fondono pensieri,  parole i immagini fisse e in movimento, uno strumento ludico, quindi, e alle volte, più raramente, artistico. E molto spesso, molto molto spesso, anche un luogo di informazione alternativa, dove giornalisti più o meno famosi vengono a piluccare per i loro servizi sui grandi quotidiani.


anche i commenti meritano di essere riportati...

commento di nefeli   L'identità di questo utente è certificata  il 5/7/2005, h 10:19   213.140.6. xxx 
mi fai arrossire coi tuoi commenti!
Questo post e' molto interessante, ne parlero' anche io di questa questione, appena mi torneranno le parole. Bacio bacio
commento di diario_estemporaneo    il 5/7/2005, h 11:7   212.216.153. xxx 
A volte i tentativi di analizzare e spiegare certi fenomeni che si verificano in rete, sembrano dettati più dalla necessità di esorcizzare delle paure, che dalla voglia di comprendere. Potrà mai l'establishment ufficiale affermare semplicemente che il blog è uno strumento nuovo ed alternativo di informazione e di comunicazione? E che i bloggers sono, a loro modo, "produttori" di una cultura nuova ed originale, perchè non soggetta al controllo istituzionale? Il problema è complesso e andrebbe analizzato seriamente, perciò è molto più semplice ricorrere a psicologi e psichiatri che sempre, e per ogni comportamento, trovano una spiegazione in una qualche patologia mentale. Una volta che ci avranno dato del matto, il problema sarà risolto.
commento di PmB    il 5/7/2005, h 22:29   213.103.141. xxx 
Mi piace la definizione di diario_estemporaneo:......i bloggers sono a modo loro produttori di una cultura nuova e originale..... Non concordo invece sul commento a psicologi e psichiatri. Purtroppo quasi tutti abbiamo bisogno ogni tanto di un controllo al nostro comportamento e ai meccanismi che lo determinano.




permalink | inviato da il 7/7/2005 alle 0:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     settembre       


...LASCIATE UN COMMENTO,
O VOI CHE ENTRATE...

Da quando ho iniziato il blog,
questi libri hanno segnato la mia anima
...
Critica della ragion pura,
Il ritratto di Dorian Gray,
Così parlò Zarathustra,
Faust,
Le pagine polverose di Ask the Dust,
L'Unico.


Da quando ho iniziato il blog,
questi autori hanno corrotto il mio spirito...
Holderlin,
Nietzsche,
Bukowski,
Saramago.


Da quando ho iniziato il blog,
queste frasi hanno influenzato la mia mente...
- La materia è sorda alle intenzioni dell'arte. (Dante) 
- L'uomo è condannato ad essere libero. (Sartre)
- Da quando ho imparato a camminare, 
mi piace solo correre. (Nietzsche)
- La libertà non sta nel poter scegliere tra bianco e nero,
ma nel potersi sottrarre a qesta scelta prescritta. (Adorno)
- Qualsiasi stronzo è capace di trovarsi un lavoro:
invece ci vuole cervello per cavarsela senza lavorare. (Bukowski)
- Scuotere la gente, svegliarla dal suo sonno,
pur sapendo di commettere in tal modo un crimine e che sarebbe
mille volte meglio lasciarvela perseverare, poichè comunque,
quando si sveglia, non si ha nulla da proporle... (Cioran)
- L'ozio è il padre di ogni filosofia.
E che? La filosofia - sarebbe un vizio? (Nietzsche)
- O si pensa o si crede. (Schopenhauer)
-Si dice di Dio: <<Nessun nome può nominarti.>>
Ciò vale anche per me: nessun concetto mi esprime,
niente di quanto viene indicato come mia essenza mi esaurisce;
sono solo nomi. (Stirner)
-Un uomo intelligente non può in verità diventar nulla
e solo gli sciocchi diventano qualcosa. (Dostoevskij)
-Sì, la mente va tenuta ben aperta, ma non così tanto
che il cervello ne cada fuori. (Sagan)
-Il dubbio non è piacevole, ma la certezza è ridicola:
solo gli imbecilli sono sicuri di quello che dicono. (Voltaire)
-La questione è sapere se con la verità
si farà mai la felicità. (Zola) 
-Quello che chiamano progresso è la sostituzione di una seccatura con un'altra. (Elliss)

Blog nato il...
9 maggio 2005

Presupposto fondamentale di questo blog...
L'esattezza delle citazioni, è una virtù più rara
di quel che si pensi. (Pierre Bayle)


APPELLO BLOG!
NON SPORCO!
AGGIUNGIMI TRA I TUOI PREFERITI!
HO BISOGNO SOLO DI ESSERE LETTO
E COMMENTATO QUALCHE VOLTA!


------->
.....NON SONO SICURO CHE IL MIO SIA UN BLOG.
E' PIU' CHE ALTRO UNA RACCOLTA DI AFORISMI,
ACCRESCIUTA OGNI GIORNO, FATTA SOPRATTUTTO
PER TENERLI LI', IN MODO DA RITROVARLI CON
FACILITA', OGNI QUALVOLTA NE AVESSI BISOGNO.....

<-------

-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-
MEMENTO.
Tutti parlano di politica, come se fosse una cosa
importante. Preferisco parlare d'altro, o meglio,
preferisco ascoltare.
_-_-_-_-_-_-_-_-_-_

-IO GUARDO-


______________________________
STUDIO APERTO
     NON E' UN TELEGIORNALE, 
         BOICOTTIAMOLO!

______________________________


:::OLTRE 28000 VISITE!!!:::
(Non più di 1000
secondo la procura)

  
TOP50 HA CHIUSO.
E' SPARITO IL LOGO,
RICORDO COMUNQUE
QUELLA BELLISSIMA INIZIATIVA
CON QUESTE PAROLE.


SPONSORIZZATO DA:

L'UNICO PROGRAMMA DI
TELEPROMOZIONI CULTURALI
.




L'urlo, Munch.
"Camminavo lungo la strada con due amici quando il sole
tramontò, il cielo si tinse all’improvviso di rosso sangue,
mi fermai, mi appoggiai stanco morto a un recinto sul fiordo
nerazzurro e sulla città c’erano sangue e lingue di fuoco.
I miei amici continuavano a camminare e io tremavo ancora
di paura e sentivo che un grande urlo infinito pervadeva la natura
".




Wikipedia, l'enciclopedia libera.



la Casa della Cultura è un’associazione di persone
che credono nella democrazia culturale e cercano
di approfondire e divulgare gli ideali di libertà,
autonomia, consapevolezza e tolleranza.




Giardino delle delizie, Bosch.


-CONTRO OGNI CHIESA-